Blog
Set 22

Testimonianze di chi ha intrapreso un percorso di Counseling

Questo spazio è dedicato a pensieri, riflessioni e testimonianze delle persone che hanno vissuto un percorso di Counseling Individuale o di Coppia, insieme a noi.

E’ importante lasciar traccia di ciò che si vive e vorremmo che queste tracce restassero tesoro e memoria per tutti.

Grazie a tutte le persone che ci hanno donato una piccola, grande parte di sé!

recensioni

“Affidarsi, guardare negli occhi di una terza persona e cercare quell’aiuto, quella mano che ti serve per risalire, per uscire dal labirinto… quella fiducia che a te manca…

Quanti pianti, quanta rabbia, paura, delusione, paura di non farcela, rassegnazione in questi mesi (anni…)…

Poi un giorno, grazie anche a chi ha creduto in noi, cominci a vedere e a sentire le cose in modo diverso, a sentire la situazione in cui sei in modo diverso. Ti riaffidi di nuovo a qualcosa di più grande e piano piano ritorna la speranza, la fiducia, l’amore nascosto.

E piangi stavolta di gioia, sei felice, la pace è tornata e senti che è il momento di un nuovo inizio.
Grazie Marisol per la tua professionalità, per il sostegno, per averci fatto riflettere, per le risate e per quello che ci hai fatto costruire.

Evviva il nostro nuovo cammino… la mongolfiera è partita!”

S & M

——————————————

Mi sono fidato e affidato fin da subito a Francesca senza sapere bene cosa aspettarmi e che tipo di percorso sarebbe stato… Una cosa é certa: sono cambiato, mi sono trasformato da bruco a farfalla in un anno esatto. Era stimolante ogni volta partire da casa sapendo di poter lavorare su me stesso, capire quello che valgo e togliermi da ogni giudizio che mi davo e che questa società dá con estrema facilità. Guardandomi indietro ho anche una sorta di nostalgia, una sensazione di felicità che porta anche al pianto tante sono le emozioni che ho provato.

Ora é giusto proseguire questo cammino di vita da solo ma adesso mi “basto“!! Sono riuscito a prendere consapevolezza dei miei mezzi e di quello che mi succede, capisco il perché faccio determinate cose e da lì lavoro per migliorarmi e per permettermi di stare bene… solo così posso continuare a sognare, solo così posso continuare ad emozionarmi e a VIVERE lasciando che le onde della vita mi cullino”

Mirko

———————————————-

“Dalla difficoltà a respirare all’inadeguatezza, sono arrivata a provare gioia e felicità, a sentirmi di nuovo bene, con in più tanta voglia di cambiare e migliorare. Questo è in breve il mio percorso di counseling. Non potrò mai ringraziare abbastanza Marisol per avermi aiutata a stare bene con me stessa, come non lo ero mai stata prima”. 

Veronica Marchesan

———————————————-

“Counseling… un percorso! Un percorso personale, profondo, costruttivo, concreto.
Mi sono avvicinata al counseling senza sapere di preciso di cosa si trattasse. Sentivo la necessità di mettere a fuoco aspetti del mio essere che erano ancora offuscati… era arrivato il momento!
Da Francesca sono stata accompagnata con modalità che insieme abbiamo concordato, dopo un dialogo, un disegno, un “esercizio” fisico, una visualizzazione. Ci siamo concentrate sulla modalità ideale per me.
Un lavoro individuale che mi ha permesso di fare chiarezza dentro di me, di affrontare e sciogliere stati d’animo che risultavano essere pesanti.  Le sedute mi davano leggerezza e mi permettevano di “drenare” sia fisicamente che emotivamente quello che non serviva più al mio corpo e alla mia mente.
Mettendo a fuoco l’obiettivo tante cose sono scivolate via in maniera fluida.
Certo ci sono stati momenti di difficoltà, ansia, paura, confusione.
Dopo un anno sono arrivata ad una nuova consapevolezza di me stessa che mi ha portato ad avere molta fiducia, più autostima e una bella centratura!
La vita è un’onda… possiamo decidere di farci sommergere o di cavalcarla… io ho deciso di cavalcarla!

Grazie a me stessa!
Grazie Francesca!”

Laura

———————————————————–

“Durante l’estate del 2015 un momento abbastanza “confuso” ha preso il sopravvento nella mia vita. Sono felicemente sposata da 4 anni e convivo da 8 con un uomo che amo e stimo profondamente; viviamo nella casa di proprietà dei genitori di lui. Ho sempre vissuto qui sentendomi “ospite”, vivendo la casa come non mia, e di conseguenza utilizzandone gli spazi in modo superficiale senza riconoscerli e senza sentirmi veramente a casa. La sensazione di “passaggio” mi ha accompagnato inconsapevolmente per anni, finchè arrivati all’estate del 2015, i miei suoceri e mio marito hanno convenuto che il momento fosse propizio per poter ampliare e risistemare l’appartamento. BOOM! Invece di esserne felice, questa prospettiva ha iniziato a lavorare in me in modo pesante. L’ansia di dover spostare, togliere, buttare e ristudiare la sistemazione degli spazi mi toglieva il respiro, solo in quel momento mi sono resa conto di quanto sentivo “non mio” l’ambiente in cui vivevo da anni. Parlando con una persona, e aprendomi per la prima volta su questo argomento (solo in quel momento l’ho potuto vedere e riconoscere con chiarezza) sono venuta a conoscenza del percorso di counseling proposto da “Il circo della farfalla”. Ci ho pensato, ma nemmeno molto, avevo bisogno di capire, ricentrarmi e non farmi travolgere dai lavori che nel frattempo erano iniziati. Il percorso è durato mesi, per me mesi di delicata potenza, in cui sono riuscita, grazie all’accompagnamento di Francesca, a vedere, con i miei tempi, risorse che non avevo mai riconosciuto, meccanismi ripetitivi che il mio corpo e la mia mente mettevano in atto ogniqualvolta mi sentivo “minacciata” da qualcosa. Dallo spazio abitativo il percorso è passato allo spazio interiore, allo spazio vitale, allo spazio a 360 gradi. Ho riconosciuto e sentito (a volte con dolore) che la casa era per me uno specchio di tanto altro. Il percorso mi ha portato a lavorare sul piano quotidiano, iniziando a prendermi degli spazi totalmente miei, arredare quegli ambienti con il mio gusto, lavorandoci spesso anche energeticamente. Con mio grande stupore il mettere dei confini fisici, pulire profondamente, buttare e prendermi cura, ha iniziato a far si che questo processo venisse lavorato a specchio anche interiormente, e tutto ciò che con “felice fatica” affrontavo nella casa contemporaneamente lavorava dentro di me e si esprimeva all’interno, facendo affiorare autostima, gentili “no” prima di allora mai detti, ed equilibrio… Per la prima volta ho sentito che avevo la possibilità di “radicarmi”. Oggi, a distanza di mesi, il mio se interiore ha preso piena coscienza di questo percorso, e si, sono cambiata…Vivo con amore la MIA casa, la mia autostima è cresciuta, e le mie radici continuano a scendere sempre più in profondità.

La frase con cui riassumerei questa esperienza di vita unica e di inestimabile valore è:

Ogni NO profondamente sentito e detto è un grande SI verso se stessi

Grazie Francesca, non dimenticherò mai questo importante pezzo di vita vissuto insieme. La tua mano mi ha accompagnato con estrema delicatezza e rispetto

(Conosco delle barche che arruginiscono in porto per non aver mai rischiato una vela fuori, conosco delle barche che si graffiano un pò sulle rotte dell’oceano ove le porta il loro gioco, conosco delle barche che tornano in porto lacerate ma più coraggiose e più forti, conosco delle barche che tornano sempre quando hanno navigato e sono pronte a spiegare le loro ali da giganti)”

C.T

—————————————————–


“È importante fare le cose con passione perché le si vive, ma il giudizio degli altri… La maschera che indossiamo… Non so cosa c’è dietro…

Non posso che ringraziare Marisol per l’affiancamento, il supporto, il consiglio, la pratica per arrivare a conoscere me stessa e poter scegliere come vivere, sia nel lavoro che nella vita privata”

Anonimo

counseling copia